Ecco perchè il riconoscimento sublessicale è efficace nella Dislessia

Il riconoscimento sublessicale è usato come modalità di Trattamento specialistica nella Dislessia. Nel mio lavoro lo uso nel Protocollo 3 nei casi di Dislessia F. in cui abbiamo un notevole miglioramento della lettura dei bambini che seguiamo. Negli altri casi usiamo gli altri protocolli, trovi tutto QUI.

Nel loro lavoro di ricerca, Tressoldi, Iozzino e Vio (trovi qui articolo completo) presentano ulteriori evidenze sull’efficacia di trattamenti basati
sull’automatizzazione del riconoscimento sublessicale per il miglioramento della velocità e della correttezza della lettura dei soggetti dislessici. Un trattamento della durata di circa tre mesi, ha prodotto un miglioramento medio della velocità di lettura in seguito a trattamento domiciliare o ambulatoriale, uguale o superiore a quello atteso dopo un anno senza interventi specifici in cinque campioni diversi anche se si evidenziano importanti differenze individuali nella risposta al trattamento. Ancora più interessanti sono i risultati ottenuti con altri due diversi campioni dopo due e tre cicli di trattamento. Dai risultati ottenuti, emerge che la velocità di lettura cambia quasi allo stesso modo in seguito alla ripetizione di cicli di trattamento successivi al primo, permettendo ad alcuni soggetti di raggiungere un livello di competenza tecnica che, seppur ancora inferiore
rispetto a quella dei coetanei normolettori, risulta essere sufficiente per una lettura ed uno studio del testo in autonomia. Questi risultati sembrano confermare l’efficacia degli interventi basati sull’automatizzazione del riconoscimento delle sillabe mediante software adatto alla presentazione di brani. Rimane aperto il problema relativo alla comprensione delle ampie differenze individuali nella risposta al trattamento.


I dati presentati in questo lavoro confermano il grado di efficacia dei trattamenti basati sull’automatizzazione del riconoscimento di sillabe presentando testi, sia seguendo un trattamento ambulatoriale bisettimanale che un trattamento domiciliare. Con un modesto impegno di circa 10-20 minuti di lavoro quotidiano, nel caso di trattamento domiciliare, o di mezz’ora due volte alla settimana, nel caso di trattamento ambulatoriale, in
circa tre mesi è stato possibile ottenere un cambiamento pari a quello atteso in un anno senza trattamenti specifici.
Che un disturbo su base neurofunzionale possa modificarsi in seguito a trattamenti centrati sul deficit non è più in discussione, anche alla luce
di una serie di evidenze pubblicate negli ultimi anni sul cambiamento della
funzionalità cerebrale conseguente alla riabilitazione . Questi studi indicano chiaramente come:

La plasticità del
sistema nervoso centrale sia molto alta ogniqualvolta il soggetto venga esposto a trattamenti mirati.


Altre informazioni importanti per clinici e riabilitatori, sono quelle ottenute dai due studi che hanno utilizzato due e tre cicli di trattamento, e che si possono riassumere come segue:
– ogni ciclo di trattamento ottiene un cambiamento nella velocità di
lettura più o meno della stessa entità;
– durante i periodi di non trattamento non c’è evoluzione sensibile
della velocità di lettura.


In più, per ottenere ulteriori cambiamenti è necessario impegnarsi in più cicli di trattamento.

– con una serie di tre cicli di trattamento è possibile raggiungere un livello di velocità ed accuratezza di lettura, che seppur ancora inferiore a quello atteso dal livello di scolarizzazione, è sufficiente per una lettura in autonomia di qualsiasi testo.

Tuttavia, bisogna tener conto che questo dato è stato raggiunto con soggetti particolarmente motivati al trattamento perché non è facile trovare ragazzi disposti a seguire una pratica riabilitativa per periodi ripetuti seppur relativamente brevi.

Se volete approfondire questi temi, abbiamo ideato vari Webinar OnLine sui temi dello studio nella Dislessia e Potenziamento dei DSA; li trovate QUI.


Se hai trovato utile questo articolo, condividilo e seguici anche suFacebook:https://www.facebook.com/blog.gianluca.lopresti


Diagnosi Dei Disturbi Evolutivi.
Diagnosi dei Disturbi Specifici di Apprendimento a scuola.
Nostro figlio è dislessico.

Ho scritto un libro per voi con tutti i miei consigli, si chiama “Nostro figlio è dislessico”, manuale di autoaiuto per genitori con figli con Dislessia e DSA, lo trovi QUI.


Ti ricordo anche i DUE testi tecnici sulla DIAGNOSI di TUTTI i DSA e Disturbi Evoluti, li trovi QUI.

Newsletter DSA

Scrivi la tua e-mail e ricevi GRATUITAMENTE guide e aiuti per Dislessia e DSA del Dr. Gianluca Lo Presti e Staff. 

REGISTRATI QUI

Rispondi