L’Autostima nei bambini. Un aiuto in 3 passi.

«Mio figlio/alunno ha poca autostima, che fare!?!»

Ecco il dubbio che su tutti si arrocca tra i pensieri di tantissimi genitori ed insegnanti. Ma cosa fare davvero, come aumentare questa famigerata Autostima nei bambini. Tanto nominata quanto sconosciuta.

La prima cosa fare è conoscerla davvero. Si, perchè spesso si ha solo una falsa conscenza dell’Autostima, ma soprattutto come posso far migliorare un qualcosa che non conosco davvero?

CHE COS’E’ L’AUTOSTIMA

Per definizione l’Autostima è una visone della nostra persona nella sua totalità; è il modo con cui percepiamo noi stessi nella nostra interezza: dall’intima personalità sino alla pubblica socialità. Dunque l’Autostima è qualcosa di globale.

Come ogni globalità, anche l’Autostima ha delle parti da cui è composta. Queste parti prendono il nome di Autoefficacia.

L’Autoefficacia si riferisce alle singole abilità auto-percepite da un individuo. Quanto sono brano in matematica oppure nello sport. E più sarò bravo in matematica e più vorrò eseguire esercizi di matematica; più sarò bravo nel mio sport, e più volte ancora vorrò avere gratificazioni cimentandomi in quello sport. E’ vero anche l’opposto: meno sono bravo nel ripetere la storia, e meno storia vorrò ripete. E così via.

L’autostima è come un palazzo, e l’autoefficacia ne rappresenta i suoi piani.

Più i singoli piani dell’Autoefficacia saranno solidi e robusti, e maggiormente solido sarà questo palazzo chiamato Autostima.

Prima di parlare di Autostima, iniziamo a riflettere: com’è composta l’Autoefficacia del nostro bambino? Facciamo un esempio con due casi opposti tra loro.

UNA BUONA AUTOSTIMA

Abbiamo un bambino che in matematica riesce bene, dunque si sente auto-efficace. In storia va anche abbastanza bene. Nel suo sport riesce senza particolari problemi, e nelle relazioni se la cava discretamente. Ne consegue che questo soggetto avrà una buona o addirittura alta Autostima.

UNA BASSA AUTOSTIMA

Mettiamo il caso opposto al precedente. Stavolta abbiamo un bambino che in matematica, riesce solo in 5 esercizi su 6. Nella storia arriva a ripetere metà capitolo sui 2 proposti. Nello sport da lui scelto, il calcio, riceve solo qualche passaggio, e nelle relazioni sociali, anche qui non è proprio il massimo. Con questi “piani” così deboli appare evidente come la sua Autostima sarà poco solida.

UN AIUTO IN 3 PASSI

Come avrete già capito, per incentivare l’Autostima sarà necessario lavorare sui singoli piani di Autoefficacia del bambino. Ecco come farlo in 3 passi.

1- Individuare le singole micro-aree in cui il bambino si sente meno Autoefficace. Ad esempio matematica o calcio.

2- Identificare per ogni area il livello del bambino. Ad esempio in matematica il pomeriggio, pur avendo 10 esercizi ne completa solo 5. Bene, i 5 esercizi corretti saranno il sui limite attuale da superare.

3- Porre come obiettivo un limite per lui raggiungibile. Se a 10 esercizi corretti (al momento) non ci arriva, forzalo, con rimproveri o punizioni, non farà altro che peggiorare la situazione. Arriva a 5 esercizi corretti? Bene il suo obiettivo sarà 6. Ne beneficerà sia la sua autoefficacia in matematica, con voglia di farne ancora, che il suo apprendimento del calcolo.

Ripete questo esercizio per ogni singola abilità, che vorrà dire anche singola Autoefficacia, e se farete un buon lavoro allora osserverete delle ricadute positive sull’aspetto globale, ovvero la sua Autostima.

E’ facile? No. Ma neppure impossibile. Serve impegno. Immaginate un pò il Leone, visto da tuti come il Re della foresta. In realtà il Leone quando caccia fallisce dalle dalle 7 alle 10 volte prima di prendere la sua preda. L’85% della su vita è un fallimento. Ma allora che cosa fa di lui un Re? La sua perseveranza.

Segui la diretta facebook

in cui parlo di Autostima nei bambini.

Ti è sembrato interessante? Scopri di più sul nostro Webinar dedicato a come studiare con tuo figlio, QUI.

Newsletter DSA

Scrivi la tua e-mail e ricevi GRATUITAMENTE guide e aiuti per Dislessia e DSA del Dr. Gianluca Lo Presti e Staff. 

REGISTRATI QUI

Rispondi